Comincia oggi il campionato di A1 delle tre squadre napoletane e, sulla carta, il compito più impegnativo spetta alla Carpisa Yamamay Acquachiara. Vuoi perchè è l’unica che gioca in trasferta, vuoi perchè in casa della Lazio la squadra biancazzurra ha sempre avuto vita dura, “vuoi perchè – aggiunge l’ex laziale Matteo Gitto – la piscina del Foro Italico è un campo che presenta caratteristiche tali da mettere in difficoltà tutte le squadre. In particolare la vasca è molto stretta e da un lato si tocca, situazioni alle quali la squadra padrona di casa è sicuramente più abituata”.
Lazio-Acquachiara si gioca alle ore 16 e sarà diretta da Castagnola e Colombo, arbitri molto giovani e molto in gamba. Debutto in campionato con la calottina biancazzurra per Goran Volarevic e Michele Luongo, debutto assoluto in Italia per il serbo Milos Korolija, il nuovo centro della Carpisa Yamamay, alla sua prima uscita ufficiale (al Memorial D’Angelo non c’era). “Oltre ad essere un giocatore molto forte, Milos possiede grandissima esperienza. Quindi – conclude Gitto – potrà essere importantissimo anche per la crescita dei giovani biancazzurri”.

Assente per motivi di lavoro capitan Ferrone, a Roma contro la Lazio i giovani in formazione saranno due: Aiello e Caccavale. Entrambi hanno già debuttato nel Memorial D’Angelo lasciando una buona impressione. Per quanto riguarda la Lazio, saranno quattro gli esordienti: il portiere montenegrino Radic, il centroboa ex Pro Recco Federico Lapenna (sulla carta il pericolo n. 1 per la squadra di De Crescenzo), il brasiliano Santos e l’ex bresciano Giorgi. Oltre, ovviamente, al nuovo tecnico biancoceleste Antonio Vittorioso. Per lui si tratta del debutto assoluto in campionato come allenatore.