Comunicato stampa

I cinque appuntamenti nel mese di Natale

L’omaggio teatrale di Gianfranco Gallo a Libero Bovio,

il concerto in prima assoluta di Luciano Capurro,

la stand up comedy di Vincenzo Comunale,

il nuovo spettacolo di Benedetto Casillo

e il tradizionale appuntamento con Peppe Barra e la “Cantata dei Pastori

Le due speciali card di abbonamento

C’è aria di festa!” è il titolo con il quale Marisa Lauritoriassume l’articolata programmazione di dicembre del Trianon Viviani.

Cinque gli appuntamenti proposti dal direttore artistico del teatro della Canzone napoletana, all’insegna di una pluralità di generi.

Si va da Gianfranco Gallo, con “Reginella, sono Libero”, in occasione del 140° anniversario di Libero Bovio (dal 30 novembre al 6 dicembre), a Luciano Capurro, che propone, in prima assoluta, “Qui dove il mare luccica. Partenope tra sorrisi e canzone appassiunate” (9 dicembre); da Vincenzo Comunale, con la sua irriverenza e ironia, che inaugura la nuova serie di spettacoli del Trianon Viviani dedicati alla stand up comedy(doppia rappresentazione il 10 dicembre: la prima, delle 18, ha già fatto registrare il “tutto esaurito”; per la seconda, alle 21, sono ancòra disponibili pochi biglietti) a Benedetto Casillo con la commedia “Scusate, ma ch’è successo?” (dal 14 al 17 dicembre).

Infine, per le feste di Natale, l’imperdibile rituale incontro con la tradizione di Peppe Barra nella “Cantata dei Pastori” (dal 22 al 30 dicembre).

Per quest’aria di festa, il Trianon Viviani propone anche – esclusivamente presso il botteghino del teatro – due speciali card di abbonamento, Dicembre a teatro ed Emozione Trianon, idee regalo da mettere accanto al presepio o sotto l’albero.

I biglietti sono acquistabili presso il botteghino, le prevendite autorizzate e online sul circuito AzzurroService.net.

Il botteghino è aperto dal lunedì al sabato, dalle 10 alle 13:30 e dalle 16 alle 19; la domenica, dalle 10 alle 13:30. Telefono 081 0128663, email [email protected].Il Trianon Viviani si avvale del sostegno del ministero della Cultura, la Regione Campania (fondi ordinari e Poc 2014-2020) e la Città metropolitana di Napoli, con il patrocinio di Rai Campania.